© COPYRIGHT 2016. MAGMA

Archive

31.08.18 - San Michele OFF 2018

prova-2-smo18

MAGMA presenta San Michele OFF 2018
27, 28, 29, 30 settembre

(INGRESSO GRATUITO)

Nel cuore del paesino di Bagnacavallo, all’interno della corte del convento di San Francesco, MAGMA presenta 4 giorni di musica e tanto divertimento con artisti internazionali.

ARTISTI:
• Fantastic Man – (AUS)
• Stump Valley – (IT)
• Alek Lee – (IL)
• Max Abysmal (AUS)
• Lamusa II (LIVE) – (FR/IT)
• Francesco Rossini – (IT)
• Dj Fit Ness – (IT)
• Ambro
• Pullo
• Simone Guerra
• Leonardo Passanti
• Rispoli
• Alex
and more

SMO18: gli ospiti della terza edizone

+ + + + + + + + + +

PROGRAMMA:
Giovedì 27/09 → DAY 1
18:30 – Inaugurazione “A 90 Degrees Rotation of a Light Pool”;
19:30 – Andrea Lepri “Light Pool Performance” (LIVE);
20:00 / 00:00 – MAGMA Soundsystem

Venerdì 28/09 → DAY 2
18:00 – MAGMA Soundsystem;
21:00 – Dj Fit Ness;
22:00 – Alek Lee;
23:30 / end – Stump Valley

Sabato 29/09 → DAY 3
18:00 – MAGMA Soundsystem;
22:30 – Lamusa II (LIVE)
23:30 – Fantastic Man
1:00 / end – Max Abysmal

Domenica 30/09 → DAY 4

dalle 10:00 alle 22:00
Pop Up Market Depop + A.N.G.E.L.O. Vintage Palace

+ + + + + + + + + +

FOOD:
Mattarelloaway GASTRO CORNER /chiostro
(27, 28, 29 settembre dalle 19 alle 24. Domenica 30 settembre dalle 12 alle 14)

Mattarello(a)way propone piatti rivisitati e ispirati dai suoi viaggi culinari in versione street food. Protagonista delle serate è maialino sfilacciato e marinato con una fragrante miscela di spezie, prima della lunga cottura in forno a bassa temperatura. Non mancheranno gustosi piatti vegetariani e vegan friendly.

+ + + + + + + + + +

MOSTRA:
A 90 DEGREES ROTATION OF A LIGHTS POOL → Manica Lunga

Installazione site specific di Marco Morandi
(dal 27 settembre al 30 ottobre)

La manica lunga del convento di San Francesco diviene una piscina, ma fatta di luci e suoni. Un’opera site specific che nasce dal progetto lucina di Marco Morandi che coniuga musica, visual e interactive design. E’ un’installazione che richiede un particolare coinvolgimento del pubblico, il quale si improvvisa autore di partiture visive e sonore.

Marco Morandi è un artista visivo e filmmaker indipendente formatosi presso il DAMS cinema di Bologna. Terminati gli studi ha trascorso diversi anni a Berlino dove ha potuto sviluppare ulteriormente le proprie conoscenze collaborando con artisti provenienti dal mondo della musica. Tra le sue realizzazioni compaiono diverse video-installazioni, live visuals ed un’ampia produzione di video musicali.
Vive e lavora a Milano

Inaugurazione: 27 settembre ore 18:00
Orari di apertura: 27, 28, 29 settembre ore 18 – 24 / 30 settembre ore 10 – 23

+ + + + + + + + + +

MOSTRA:
Concorso fotografico → Salette Garzoniane

Buio di Luce:
In occasione di San Michele off MAGMA lancia un concorso fotografico dal titolo “Buio di Luce”. Il concorso si sviluppa attraverso Instagram e partecipare è molto semplice: basta commentare le proprie fotografie che si desidera candidare con l’hashtag #buiodiluce. I migliori 50 scatti saranno stampati ed esposti presso le sale del convento di San Francesco dal 27 settembre al 30 settembre. Inoltre tra le 50 fotografie selezionate saranno annunciate e premiate 3 vincitrici.

Inaugurazione: giovedì 27 settembre ore 18:00
Premiazione: sabato 29 ore 18

Orari mostra:
Venerdì 28 settembre dalle 18 alle 23
Sabato 29 settembre dalle 15 alle 23
Domenica 30 settembre dalle 10:00 alle 22:00

Per maggiori informazioni ed il regolamento completo clicca qui:
>>> CLICK <<<

+ + + + + + + + + +

LOCATION:
Convento di San Francesco – Bagnacavallo:
https://goo.gl/maps/e6uU4eAr5532

Il convento di San Francesco, risalente al XIII secolo, è l’edificio conventuale di più antica fondazione della città. Il complesso comprende la chiesa e il grande convento che ospita: la bella Sala Oriani o “Refettorio nuovo”, il chiostro, lo scalone monumentale e le sale del primo piano utilizzate come spazi espositivi, i sotterranei e il “solaio grande” detto anche Sala delle Capriate. Risalente alla metà del 1200, il convento di Bagnacavallo fu uno dei primi sorti dopo la morte di San Francesco. Considerato che i primi conventi vennero edificati in luoghi di forte passaggio, dobbiamo dedurre che Bagnacavallo al tempo fosse un importante snodo stradale e una tappa per i viandanti. Il complesso conventuale subì ristrutturazioni ed ampliamenti nel corso dei secoli, i più importanti dei quali avvenuti nel 1460 e nel 1667 (lavori di Andrea Galegati). Assunse l’aspetto attuale alla fine del 1700, con gli interventi dell’architetto faentino Gioacchino Tomba. Dopo la soppressione degli ordini religiosi dovuta agli editti napoleonici, l’edificio divenne in gran parte di proprietà pubblica. Dal 1875 al 1959 il convento fu sede delle scuole pubbliche e durante la seconda guerra mondiale gli immensi sotterranei vennero adibiti a rifugio per la popolazione. Solo una piccola parte dell’edificio, nel Novecento, era abitata dai frati minori conventuali. Questa parte, dopo il trasferimento dei religiosi in altre sedi, non è più accessibile al pubblico. La gran parte di proprietà statale, è stata ristrutturata e destinata ad ospitare eventi espositivi o incontri pubblici.

+ + + + + + + + + +

INFO:
info@magma.zone
www.magma.zone

PARTNER:
Festa di San Michele / Comune di Bagnacavallo / Mattarelloaway / A.N.G.E.L.O. Vintage Palace / Depop

08.01.18 - Chi è Konrad Sprenger?

konrad_sprenger_by_alexandr_de_brabant

Continua la collaborazione tra MAGMA e MU, dopo i primi due eventi estivi che hanno portato ad esibirsi gli artisti Seymour Wright e Seiji Morimoro, sabato 20 gennaio arriva in Italia il tedesco Konrad Sprenger fresco del suo ultimo lavoro “Stack Music”, pubblicato su PAN.

Chi è Konrad Sprenger?

Konrad Sprenger è lo pseudonimo di Joerg Hiller, compositore, produttore musicale e artista di base a Berlino, nato nel 1977 a Lahr, in Germania.
Hiller gestisce l’etichetta Choose, per la quale ha prodotto dischi di artisti come Ellen Fullman, Arnold Dreyblatt, Robert Ashley e Terry Fox, tra gli altri.
Dal 2000 Hiller si esibisce regolarmente e collabora con il compositore di musica minimal Arnold Dreyblatt e la compositrice/costruttrice di strumenti Ellen Fullman, le band Ethnostress ed Ei e con il collettivo d’arte Honey-Suckle Company.
La sua ricerca attuale è rivolta alle esibizioni dal vivo con una chitarra elettrica multi canale preparata e controllata da computer.
La sua musica e il lavoro di installazione sono stati presentati in giro per il mondo (all’Hamburger Bahnhof, al Berghain, alla galleria Giti Nourbakhsch, al Podewil, al Pavillon der Volksbühne a Berlino, al Badischer Kunstverein a Karlsruhe, alla Kunsthalle di Baden-Baden, al Frankfurter Kunstverein, alla Künstlerhaus di Stuttgart, alla Kunsthalle di Basilea, al MoMA PS1 a New York, alla Cubitt Gallery di Londra e al Sonar di Barcellona, ecc).

L’ultimo lavoro di Konrad Sprenger è “Stack Music”, pubblicato da PAN, etichetta multidisciplinare che negli anni ha consolidato la sua presenza tra quelle con maggiore influenza tra la musica contemporanea e di ricerca, rappresentando molti degli artisti più innovativi della scena attuale.
CLICK –> https://konradsprenger.bandcamp.com/album/stack-music

Sabato 20 gennaio si esibirà a Bagnacavallo in una sala del convento di San Francesco, la “sala delle capriate” dall’ottima acustica e della bellezza unica.

(EVENTO FACEBOOK)

23.09.17 - Le mostre curate da MAGMA per San Michele OFF 2017 – “Colore?” di Daniele Torcellini e “Superfici Praticabili” di CaCO3

inaugurazione

Hanno inaugurato le due mostre curate da MAGMA per il Comune di Bagnacavallo in occasione dell’edizione 2017 di San Michele Off.

Dopo le migliaia di cartoncini colorati dell’installazione About Dreams, nel 2016, protagoniste dell’allestimento 2017 nell’ala non restaurata al primo piano del convento di San Francesco saranno la luce e il colore nell’interpretazione fornita da Daniele Torcellini nel progetto dal titolo “Colore?” Stanze e colori per luci variabili.
Il nostro sistema visivo, costituito dal complesso legame occhio-cervello, è l’apparato grazie al quale diamo corpo ed esistenza ai colori. Il colore tuttavia si connota per una forte ambiguità che ne rende difficile una rigorosa comunicabilità tra gli individui. Il colore dipende da noi, dalla luce, dal contesto. I colori sono gli stessi per tutti? Esistono? Attraverso un’installazione di colori e illuminazione con luci cangianti l’obiettivo è inseguire ed enfatizzare l’instabilità percettiva del colore, perché si perda il senso del confine tra ciò che è e ciò che appare.
La manica lunga al piano terra ospiterà invece Superfici Praticabili, mostra di CaCO3. Il gruppo artistico, fondato nel 2006, prende il nome da uno dei materiali che più caratterizza la sua ricerca, il carbonato di calcio, principale componente del calcare. Superfici praticabili nasce dal bisogno di osservare gli effetti sullo spazio degli oggetti esposti con la consapevolezza che tra ambiente espositivo e oggetto non esiste un valore di dominanza, ma un’interazione che può cambiare la percezione sia dell’ambiente sia degli oggetti esposti.

Daniele Torcellini non è un artista, o almeno non si definisce tale. Si occupa di colore e di percezione visiva da oltre un quindicennio, sia nell’ambito della ricerca, con un Dottorato presso l’Università di Siena, sia in quello dell’insegnamento. È professore a contratto di Cromatologia presso le Accademie di Belle Arti di Genova e Verona e di altri corsi legati all’arte contemporanea, anche presso l’Accademia di Ravenna. Più in generale si occupa di storia e critica d’arte, collabora con il Museo MAR di Ravenna alla curatela di mostre temporanee, con l’associazione Calligraphie al progetto Cristallino e alla rivista Edel, mentre assieme all’associazione Marte si occupa di estetiche del mosaico.

CaCO3 è un gruppo artistico fondato nel 2006 da Niko Ferreira da Silva (Ravenna, Italia, 1976), Giuseppe Donnaloia (Martina Franca, Italia, 1976) e Pavlos Mavromatidis (Kavàla, Grecia, 1979). Il gruppo è stato vincitore nel 2011 dei due premi Ram e Gaem., è presente in varie collezioni artistiche in Italia e all’estero, ha esposto in numerose mostre ed è rappresentato da varie gallerie in diverse fiere d’arte.

Le mostre resteranno allestite fino all’8 ottobre nei seguenti orari: sabato e domenica ore 16-19.30, dal lunedì al venerdì su appuntamento chiamando 392 1692698. Aperture straordinarie durante la Festa di San Michele: 28, 29, 30 settembre ore 18-23, 1 ottobre ore 10-23.

15.09.17 - Il suono elettronico emozionale di Luca Sigurtà

still_3

Luca Sigurtà è un compositore attivo fin dai primi anni duemila, ha suonato in progetti come Harshcore e Luminance Ratio.
Il suo suono elettronico ed emozionale è una miscela di ritmiche lente e delicati sintetizzatori analogici.
Nel 2015 Luca fu protagonista di uno degli eventi MAGMA più impressi nella memoria, si esibì durante la riapertura temporanea (dopo più di 30 anni) della ex discoteca Woodpecker, durante la prima edizione del Modulo Fest, con anche Vaghe Stelle, Von Tesla e Simon Balestrazzi.

Siamo contentissimi di rincontrare Luca nella bellissima cornice di Bagnacavallo, il suo spettacolo audio visivo aprirà i 4 giorni di San Michele OFF 2017. L’esibizione inizierà alle 22:00 di giovedì 28 settembre e per l’occasione abbiamo riservato uno dei luoghi più suggestivi del convento, la maestosa scalinata che divide le due mostre: “COLORE?” e “SUPERFICI PRATICABILI”.
Il live che assisteremo sarà accompagnato da un flusso visuale creato da Aaron Inker, costituito da immagini e video trovati sul web, rielaborati e giustapposti per seguire l’incedere dei brani in un viaggio immersivo e straniante.

“Chi inizia bene è alla metà dell’opera, giusto?”

31.08.17 - DONNA LEAKE, chiudi gli occhi e toccherai tanti angoli del mondo

donna leake

DONNA LEAKE, chiudi gli occhi per toccare tanti angoli del mondo

Donna Leake è una ragazza inglese dalla grande personalità, dj eclettica e curatrice musicale del famoso “Brilliant Corner” di Dalston, Londra.

Grande collezionista di vinili da tutto il mondo, i suoi set pieni di “world music” sono apparsi molte volte su NTS e Boiler Room.

A Bagnacavallo porterà atmosfere jazz, afrobeat, funk psichedeliche e vecchi vinili spolverati da chissà quale mercatino. Più che un djset, una vera e propria lezione di stile!

Venerdì 29 settembre nel chiostro del convento di San Francesco si formerà un’accoppiata tutta inglese, Donna Leake e niente po’ po’ di meno che Medlar…sarà un bel viaggio!

28.08.17 - MEDLAR, morbide spirali di caldi ed avvolgenti groove

medlar-polaroid

Medlar è il nome d’arte dell’eclettico dj e produttore inglese Ned Pegler. Nasce a Wiltshire nell’86, dove trascorre la sua infanzia in un minuscolo villaggio tra Bath e Bristol chiamato Radstock, uno dei tanti piccoli villaggi del Regno Unito. Arrivato alla maggiore età Ned si trasferisce a Brighton, dove darà sfogo alla sua più grande passione, la “house music”.
Dal 2011 diventa icona della label Wolf Music, per la quale esce una delle sue tracce più rappresentative “Terrell”.

La sua musica figura come una morbida spirale di caldi ed avvolgenti groove, che si stringono intorno a mantriche percussioni ipnotiche. I suoi set risultano sempre imprevedibili, fondendo classici house, funk e perle “world music”.

A Bagnacavallo Medlar sarà il protagonista della serata di venerdì 29 settembre, con lui si esibirà l’inglesina Donna Leake andando così a formare un duo “Made in England” che nessuno dovrebbe perdersi. Sarà un crescere di suoni ricercati ed energia, e sinceramente…noi non vediamo l’ora!

24.08.17 - PROJECT PABLO, ritmi caldi e avvolgenti dal “nuovo mondo”

Project Pablo (credit blog landr)

Patrick Holland è un giovane dj e musicista di Vancouver trasferito a Montreal, Quebec, Canada.

Inizia la sua carriera con il nome “8prn” per poi diventare “Project Pablo”, nome dell’attuale progetto che lo riavvicina al suo stato d’animo interiore e lo fa conoscere al mondo. E’ da una forte conoscenza della dance italo francese che nascono le sue nuove produzioni, i suoi dischi dal groove futuristico ma retrospettivo, indagano ad ampio spettro energie e sottogeneri della dance music. Tramite le produzioni su “ 1080p” (ma non solo) si sta costruendo una reputazione di ferro nell’ambiente; a testimoniarlo una moltitudine di date in programma ai quattro angoli del mondo ed una serie di mixtape e remix usciti per i-D Magazine, Do Androids Dance, Rinse FM, Boiler Room e Slowcast.


Ecco a voi presentato l’headliner della serata di sabato 30 settembre di San Michele OFF, Project Pablo con il suo djset all’interno della corte del convento di San Francesco, colorerà e arricchirà di suoni caldi, morbidi e dilatati la serata.
Prima di lui, in apertura di serata, Futuro Tropicale e Francesco Rossini.

Effetti collaterali? Disinibizione e ballo!

18.08.17 - San Michele OFF 2017, cosa succederà a fine settembre?

About Drems

“Quest’anno cosa succederà?”
“Farete ancora un’istallazione?”
“Chi suonerà”

Siete in molti a farci queste domande.

L’edizione 2016 di San Michele OFF è ricordata in particolare per “About Dreams”, un percorso installativo curato da MAGMA all’interno dell’ala inagibile del convento di San Francesco.
Per i moltissimi visitatori fu una delle sorprese più gradite, i quali percorrendo i corridoi e le sale del convento, si trovavavano immersi in un susseguirsi di suggestioni legate al tema di San Michele 2016, il sogno. Fatta con più di 50.000 cartoline, l’istallazione creava un flusso continuo di colori e di forme nello spazio.
Nell’edizione 2017 della festa di San Michele, il tema sarà la libera espressione, ad occupare gli spazi del convento di San Francesco troverete: una nuova macro istallazione, una mostra personale ed una performance partecipativa. Ci stiamo impegnando per non deludere le aspettative!

Per quanto riguarda le performance musicali, nella passata edizione del San Michele OFF hanno avuto la possibilità di esibirsi: Giovanni Lami ed Enrico Malatesta live duo nella bellissima sala delle capriate, Doron Sadja con un suo live audio visivo site specific nella corte del convento, Imre Kiss e Paquita Gordon con i loro djset.
Nell’edizione 2017 molti nomi che animeranno l’edizione 2017 di fine settembre sono già stati annunciati; arriveranno a Bagnacavallo il dj Canadese Project Pablo con gli inglesi Medlar e Donna Leake, a loro tre il compito di farci ballare regalando un alone internazionale all’iniziativa.
I primi due italiani annunciati sono Luca Sigurtà, che si esibirà sulla bellissima scalinata del convento con un suo live audio visivo il giovedì ed i dj Futuro Tropicale e Francesco Rossini (resident in tutte le serate) con le loro selezioni musicali morbide.
Tante altre iniziative avranno luogo nel convento durante San Michele OFF 2017, a breve verrà sveleremo nel dettaglio.

La domenica è stato confermato il VINTAGE POP UP MARKET, mercatino in collaborazione con Depop e A.N.G.E.L.O. Vintage Palace di Lugo dove l’accompagnamento musicale non mancherà dalla mattina alla sera.

Durante tutte le serate sarà presente all’interno del chiostro un food point a cura di Mattarello Away GASTRO CORNER.

Le date ed il primo programma di San Michele OFF 2017 è stato annunciato >>>CLICK<<<

14.08.17 - San Michele OFF 2017

MAGMA presenta San Michele OFF 2017
dal 28 settembre al 1 ottobre
Convento di San Francesco – Bagnacavallo

(INGRESSO GRATUITO)

Quattro giorni di live, mostre e djset nel cuore di Bagnacavallo durante la Festa di San Michele nel convento di San Francesco. San Michele OFF 2017 alla sua seconda edizione, unisce diversi linguaggi dell’arte contemporanea, musica e riqualificazione in chiave culturale di spazi dimenticati per anni.

Performance:
• Project Pablo – (CAN)
• Medlar – (UK)
• Donna Leake – (UK)
• Luca Sigurtà – (IT)
• Futuro Tropicale – (IT)
• Francesco Rossini – (IT)
• DJ Moxie (UK)

and more soon

Mostre:
• “COLORE?” – Stanze e colori per luci variabili.
di Daniele Torcellini, a cura di MAGMA
• “SUPERFICI PRATICABILI”
Mostra personale di CaCO3, a cura di MAGMA
• “#LAMACCHINETTA”
Performance partecipativa

Ulteriori:
VINTAGE POP UP MARKET,
in collaborazione con Depop e A.N.G.E.L.O. Vintage Palace di Lugo.

Durante tutte le serate sarà presente all’interno del chiostro un food point a cura di Mattarello Away GASTRO CORNER

PROGRAMMA San Michele OFF 2017:

28 settembre
LUCA SIGURTA’ (IT) – LIVE A/V ore 22:00 / scalinata
Compositore attivo fin dai primi anni duemila, il suo suono elettronico ed emozionale è una miscela di ritmiche lente e delicati sintetizzatori analogici. Un live accompagnato da un flusso visuale creato da Aaron Inker, costituito da immagini e video trovati sul web, rielaborati e giustapposti per seguire l’incedere dei brani in un viaggio immersivo e straniante.

29 settembre
DONNA LEAKE (UK) – DJ SET ore 21:30 / chiostro
Donna Leake, mente musicale e resident del famoso “Brilliant Corner” di Londra.
Atmosfere jazz, afrobeat, funk psichedeliche e vecchi vinili spolverati da chissà quale mercatino. Più che un djset, una vera e propria lezione di stile!

MEDLAR (UK) – DJ SET ore 23:00 / chiostro
Medlar è un eclettico dj e produttore inglese, figura chiave della label Wolf Music. La sua musica è una morbida spirale di groove caldi e avvolgenti, i suoi set sempre imprevedibili uniscono classici house, funk e perle della world music.

30 settembre
FUTURO TROPICALE (IT) – DJSET ore 21:30 / chiostro
Chi l’ha sentito suonare sa quanto siano divertenti le dj session che lui ama definire “Acid Balearic”. Una commistione di influenze che si traducono in lunghe avventure all’interno di paesaggi tropicali e nuove dimensioni di rottura, derivanti da molteplici generi differenti.

PROJECT PABLO – DJ SET dalle 23 all’1 / chiostro
Dj e musicista di Montreal, Quebec, Canada. E’ da una forte conoscenza della dance italo francese che nascono le sue produzioni, i suoi dischi indagano ad ampio spettro energie e sottogeneri della dance music. Tramite le produzioni su “ 1080p” (ma non solo) si sta costruendo una reputazione di ferro nell’ambiente. A testimoniarlo la tonnellata di date in programma ai quattro angoli del mondo.

Domenica 1 ottobre

VINTAGE POP UP MARKET – dalle 10:00 alle 23:00 / chiostro
In collaborazione con DEPOP e A.NG.E.L.O.
Mercatino vintage con gli utenti selezionati di DEPOP e vendita al kilo di A.NG.E.L.O.
Dalle 12 alle 14:00 picnic a cura di MattarelloAway
Dalle 17 aperitivo con dj set a cura di MAGMA.

MOXIE (NTS, On Loop) – DJ SET dalle 17 alle 19 / chiostro

PROGRAMMA mostre:
dal 22 settembre all’ 8 ottobre

COLORE?
Stanze e colori per luci variabili.
di Daniele Torcellini, a cura di MAGMA

Il nostro sistema visivo, costituito dal complesso legame occhio-cervello, è l’apparato grazie al quale diamo corpo ed esistenza ai colori. Il colore tuttavia si connota per una forte ambiguità che ne rende difficile una rigorosa comunicabilità tra gli individui. Il colore dipende da noi, dalla luce, dal contesto.
I colori sono gli stessi per tutti? Esistono?
Il progetto “COLORE?” è un’installazione di colori e illuminazione con luci cangianti che ha l’obiettivo di inseguire ed enfatizzare l’instabilità percettiva del colore, perché si perda il senso del confine tra cioè che è e ciò che appare.

SUPERFICI PRATICABILI
Mostra personale di CaCO3, a cura di MAGMA

Superfici praticabili nasce dal bisogno di osservare gli effetti sullo spazio degli oggetti esposti, con la consapevolezza che tra ambiente espositivo ed oggetto non esiste un valore di dominanza. In questa interazione come cambia la percezione dell’ambiente? Come cambia la percezione degli oggetti esposti?

Inaugurazione: 22 settembre ore 18

Orari di apertura: sabato e domenica ore 16 – 19.30, dal lunedì al venerdì su appuntamento chiamando 392 1692698.

Durante la Festa di San Michele: 28, 29, 30 settembre ore 18 – 23 / 1 ottobre ore 10 – 23

+ + + + + + + + + +

dal 29 settembre al 1 ottobre

#LAMACCHINETTA
Performance partecipativa
Libera la tua espressione all’interno della #MACCHINETTA per fototessere.
Le fotografie scattate da giovedì a sabato sera saranno esposte durante la giornata di domenica 1 ottobre all’interno delle salette garzoniane.

+ + + + + + + + + +

MATTARELLO(A)WAY GASTRO CORNER
Mattarello(a)way propone piatti rivisitati e ispirati dai suoi viaggi culinari in versione street food. Protagonista delle serate è maialino sfilacciato e marinato con una fragrante miscela di spezie, prima della lunga cottura in forno a bassa temperatura. Non mancheranno gustosi piatti vegetariani e vegan friendly.

Tutti i giorni dalle 19 alle 24. Domenica picnic dalle 12 alle 14.

+ + + + + + + + + +

Location – Convento di San Francesco – Bagnacavallo:
Il convento di San Francesco, risalente al XIII secolo, è l’edificio conventuale di più antica fondazione della città. Il complesso comprende la chiesa e il grande convento che ospita: la bella Sala Oriani o “Refettorio nuovo”, il chiostro, lo scalone monumentale e le sale del primo piano utilizzate come spazi espositivi, i sotterranei e il “solaio grande” detto anche Sala delle Capriate. Risalente alla metà del 1200, il convento di Bagnacavallo fu uno dei primi sorti dopo la morte di San Francesco. Considerato che i primi conventi vennero edificati in luoghi di forte passaggio, dobbiamo dedurre che Bagnacavallo al tempo fosse un importante snodo stradale e una tappa per i viandanti. Il complesso conventuale subì ristrutturazioni ed ampliamenti nel corso dei secoli, i più importanti dei quali avvenuti nel 1460 e nel 1667 (lavori di Andrea Galegati). Assunse l’aspetto attuale alla fine del 1700, con gli interventi dell’architetto faentino Gioacchino Tomba. Dopo la soppressione degli ordini religiosi dovuta agli editti napoleonici, l’edificio divenne in gran parte di proprietà pubblica. Dal 1875 al 1959 il convento fu sede delle scuole pubbliche e durante la seconda guerra mondiale gli immensi sotterranei vennero adibiti a rifugio per la popolazione. Solo una piccola parte dell’edificio, nel Novecento, era abitata dai frati minori conventuali. Questa parte, dopo il trasferimento dei religiosi in altre sedi, non è più accessibile al pubblico. La gran parte di proprietà statale, è stata ristrutturata e destinata ad ospitare eventi espositivi o incontri pubblici.

EVENTO FACEBOOK <-- Click Per info:
info@magma.zone

www.magma.zone

14.08.17 - Bagnacavallo non è un paese per solo vecchi…anzi!

dsc02161-2

Quando e perché è nato “San Michele OFF”?
Tutto risale al 2015 quando l’amministrazione di Bagnacavallo contatta per la prima volta MAGMA con un obiettivo ben preciso: portare all’interno della famosa festa di San Michele una ventata d’aria fresca, che potesse accendere un interesse differente nei confronti della festa, un’alternativa alle classiche osterie.
La sfida sembra da subito affascinante, in sinergia si decide di fare sin da subito un primo test per capire come il prodotto potesse essere recepito. Per l’edizione della festa di San Michele 2015 si organizza un evento all’interno della corte di palazzo vecchio, luogo adiacente alla piazza principale della città, da anni inutilizzata.

Qui MAGMA creò un’installazione all’interno di una galleria sotterranea, “Perpeetus”, una foresta immobile che prendeva possesso dell’edificio e animava i propri ambienti con le suggestioni sonore di Matteo Scaioli. Durante le 4 giornate furono invitati ad esibirsi diversi artisti con live e djset, tra i quali: Stump Valley, Muvic, Matteo Scaioli e altri personaggi locali. L’iniziativa riscosse un’elevata affluenza di pubblico e molti pareri positivi che portarono sin dalla conclusione dell’edizione 2015 l’associazione MAGMA e l’amministrazione bagnacavallese a porsi obiettivi più ambiziosi.

Con l’intento di creare un vero e proprio polo rivolto alle arti visive e performative contemporanee, nasce nel 2016 San Michele OFF, l’arteria più giovane e sperimentale della festa di San Michele, unendo così la tradizione all’attualità.
Viene scelto come luogo un edificio simbolo di Bagnacavallo, il maestoso convento di San Francesco. La prima edizione di San Michele OFF svolta nel settembre 2016 diede la possibilità a MAGMA di abitare gli spazi del convento in maniera trasversale e complementare creando una macro installazione dal titolo “About Dreams” nell’area inagibile del convento (il primo piano n.d.r.), “CV” una personale di Tomas Ewald negli spazi della manica lunga ed un concorso fotografico sui luoghi abbandonati “#magmamagicalplaces” nelle salette garzoniane del piano terra. Le performance live ed i djset ebbero luogo nella sala delle capriate con il live “duo” di Enrico Malatesta e Giovanni Lami, e nel bellissimo chiostro del convento con le esibizioni di: Imre Kiss, Doron Sadja, Paquita Gordon e altri artisti locali.
A termine del ricco programma fu organizzata una giornata dedicata al finissage della mostra “about dreams”coinvolgendo le scuole con numerosi workshop dedicati al riutilizzo creativo della carta, ed a conclusione della giornata il concerto del pianista inglese Greg Haines.
Dopo l’edizione del 2016, visto l’enorme potenziale, una parte del convento di San Francesco fu affidata a bando, ridando così vita al vecchio ostello e ad un luogo dall’ampissima potenzialità.
L’edizione di San Michele OFF 2017 è alle porte ed il convento di San Francesco sarà ancora protagonista come contenitore dell’iniziativa, siete pronti ad un contenuto all’altezza delle aspettative?

Convento di San Francesco – Bagnacavallo:
Il convento di San Francesco, risalente al XIII secolo, è l’edificio conventuale di più antica fondazione della città. Il complesso comprende la chiesa e il grande convento che ospita: la bella Sala Oriani o “Refettorio nuovo”, il chiostro, lo scalone monumentale e le sale del primo piano utilizzate come spazi espositivi, i sotterranei e il “solaio grande” detto anche Sala delle Capriate. Risalente alla metà del 1200, il convento di Bagnacavallo fu uno dei primi sorti dopo la morte di San Francesco. Considerato che i primi conventi vennero edificati in luoghi di forte passaggio, dobbiamo dedurre che Bagnacavallo al tempo fosse un importante snodo stradale e una tappa per i viandanti. Il complesso conventuale subì ristrutturazioni ed ampliamenti nel corso dei secoli, i più importanti dei quali avvenuti nel 1460 e nel 1667 (lavori di Andrea Galegati). Assunse l’aspetto attuale alla fine del 1700, con gli interventi dell’architetto faentino Gioacchino Tomba. Dopo la soppressione degli ordini religiosi dovuta agli editti napoleonici, l’edificio divenne in gran parte di proprietà pubblica. Dal 1875 al 1959 il convento fu sede delle scuole pubbliche e durante la seconda guerra mondiale gli immensi sotterranei vennero adibiti a rifugio per la popolazione. Solo una piccola parte dell’edificio, nel Novecento, era abitata dai frati minori conventuali. Questa parte, dopo il trasferimento dei religiosi in altre sedi, non è più accessibile al pubblico. La gran parte di proprietà statale, è stata ristrutturata e destinata ad ospitare eventi espositivi o incontri pubblici.

No Older Posts
No Newer Posts