© COPYRIGHT 2016. MAGMA

Archive

02.11.18 - MAGMA – Bell Towers djset (Public Possession / NTS Radio)

44346252_1702785249847803_2456534505184296960_n

Tutto è partito così, come una provocazione:
<< E se vi portassimo al mare d'inverno?>>

Il mare d’inverno è un quadro malinconico dove le onde si riversano sul lungo e desolato bagnasciuga. Gusci di conchiglie esauste, fino a sfiorare la grande barriera, quella Duna artificiale che fa da guardia agli stabilimenti balneari dove tutto è accatastato e fermo.
È qui che nasce e prenderà vita una nuova avventura!

Sabato 10 Novembre si parte con la prima festa al bagno BICIO PAPAO di Milano Marittima.
Siamo orgogliosi di potervi annunciare il primo ospite:
Bell Towers, dj Australiano di fama internazionale con base a Berlino.
Con lui il maestro pesarese Francesco Rossini.

• • •

BELL TOWERS (Public Possession, NTS Radio)
Nato a Melbourne, ormai radicato da diversi anni in Europa, inizia da giovanissimo la sua attività musicale.
Dj da circa dieci anni, debutta come producer nel 2011 con “Private Time Dub” uscito su Canyons per poi approdare su Hole In The Sky, su Internasjonal di Prins Thomas, su Rüf Kutz di Ruf Dug e diventando così uno degli artisti di punta della celebre Public Possession, etichetta seguita dai più raffinati ascoltatori di house music, dove Rohan rilascia molti dischi e collaborazioni.
Il suo bagaglio musicale è pazzesco, lo si evince dalle sue apparizioni in Boiler Room e nei suoi set per Dekmantel. Ormai da tempo Bell presenta un suo Show mensile sulla celebre NTS Radio, proponendo set eclettici di straordinaria ricercatezza. In programma date al Robert Johnson, al Berghain e tour in Asia e Australia.

• • •
Info:
BICIO PAPAO – Viale Spalato, 267 – Milano Marittima
info@magma.zone

31.08.18 - San Michele OFF 2018

prova-2-smo18

MAGMA presenta San Michele OFF 2018
27, 28, 29, 30 settembre

(INGRESSO GRATUITO)

Nel cuore del paesino di Bagnacavallo, all’interno della corte del convento di San Francesco, MAGMA presenta 4 giorni di musica e tanto divertimento con artisti internazionali.

ARTISTI:
• Fantastic Man – (AUS)
• Stump Valley – (IT)
• Alek Lee – (IL)
• Max Abysmal (AUS)
• Lamusa II (LIVE) – (FR/IT)
• Francesco Rossini – (IT)
• Dj Fit Ness – (IT)
• Ambro
• Pullo
• Simone Guerra
• Leonardo Passanti
• Rispoli
• Alex
and more

SMO18: gli ospiti della terza edizone

+ + + + + + + + + +

PROGRAMMA:
Giovedì 27/09 → DAY 1
18:30 – Inaugurazione “A 90 Degrees Rotation of a Light Pool”;
19:30 – Andrea Lepri “Light Pool Performance” (LIVE);
20:00 / 00:00 – MAGMA Soundsystem

Venerdì 28/09 → DAY 2
18:00 – MAGMA Soundsystem;
21:00 – Dj Fit Ness;
22:00 – Alek Lee;
23:30 / end – Stump Valley

Sabato 29/09 → DAY 3
18:00 – MAGMA Soundsystem;
22:30 – Lamusa II (LIVE)
23:30 – Fantastic Man
1:00 / end – Max Abysmal

Domenica 30/09 → DAY 4

dalle 10:00 alle 22:00
Pop Up Market Depop + A.N.G.E.L.O. Vintage Palace

+ + + + + + + + + +

FOOD:
Mattarelloaway GASTRO CORNER /chiostro
(27, 28, 29 settembre dalle 19 alle 24. Domenica 30 settembre dalle 12 alle 14)

Mattarello(a)way propone piatti rivisitati e ispirati dai suoi viaggi culinari in versione street food. Protagonista delle serate è maialino sfilacciato e marinato con una fragrante miscela di spezie, prima della lunga cottura in forno a bassa temperatura. Non mancheranno gustosi piatti vegetariani e vegan friendly.

+ + + + + + + + + +

MOSTRA:
A 90 DEGREES ROTATION OF A LIGHTS POOL → Manica Lunga

Installazione site specific di Marco Morandi
(dal 27 settembre al 30 ottobre)

La manica lunga del convento di San Francesco diviene una piscina, ma fatta di luci e suoni. Un’opera site specific che nasce dal progetto lucina di Marco Morandi che coniuga musica, visual e interactive design. E’ un’installazione che richiede un particolare coinvolgimento del pubblico, il quale si improvvisa autore di partiture visive e sonore.

Marco Morandi è un artista visivo e filmmaker indipendente formatosi presso il DAMS cinema di Bologna. Terminati gli studi ha trascorso diversi anni a Berlino dove ha potuto sviluppare ulteriormente le proprie conoscenze collaborando con artisti provenienti dal mondo della musica. Tra le sue realizzazioni compaiono diverse video-installazioni, live visuals ed un’ampia produzione di video musicali.
Vive e lavora a Milano

Inaugurazione: 27 settembre ore 18:00
Orari di apertura: 27, 28, 29 settembre ore 18 – 24 / 30 settembre ore 10 – 23

+ + + + + + + + + +

MOSTRA:
Concorso fotografico → Salette Garzoniane

Buio di Luce:
In occasione di San Michele off MAGMA lancia un concorso fotografico dal titolo “Buio di Luce”. Il concorso si sviluppa attraverso Instagram e partecipare è molto semplice: basta commentare le proprie fotografie che si desidera candidare con l’hashtag #buiodiluce. I migliori 50 scatti saranno stampati ed esposti presso le sale del convento di San Francesco dal 27 settembre al 30 settembre. Inoltre tra le 50 fotografie selezionate saranno annunciate e premiate 3 vincitrici.

Inaugurazione: giovedì 27 settembre ore 18:00
Premiazione: sabato 29 ore 18

Orari mostra:
Venerdì 28 settembre dalle 18 alle 23
Sabato 29 settembre dalle 15 alle 23
Domenica 30 settembre dalle 10:00 alle 22:00

Per maggiori informazioni ed il regolamento completo clicca qui:
>>> CLICK <<<

+ + + + + + + + + +

LOCATION:
Convento di San Francesco – Bagnacavallo:
https://goo.gl/maps/e6uU4eAr5532

Il convento di San Francesco, risalente al XIII secolo, è l’edificio conventuale di più antica fondazione della città. Il complesso comprende la chiesa e il grande convento che ospita: la bella Sala Oriani o “Refettorio nuovo”, il chiostro, lo scalone monumentale e le sale del primo piano utilizzate come spazi espositivi, i sotterranei e il “solaio grande” detto anche Sala delle Capriate. Risalente alla metà del 1200, il convento di Bagnacavallo fu uno dei primi sorti dopo la morte di San Francesco. Considerato che i primi conventi vennero edificati in luoghi di forte passaggio, dobbiamo dedurre che Bagnacavallo al tempo fosse un importante snodo stradale e una tappa per i viandanti. Il complesso conventuale subì ristrutturazioni ed ampliamenti nel corso dei secoli, i più importanti dei quali avvenuti nel 1460 e nel 1667 (lavori di Andrea Galegati). Assunse l’aspetto attuale alla fine del 1700, con gli interventi dell’architetto faentino Gioacchino Tomba. Dopo la soppressione degli ordini religiosi dovuta agli editti napoleonici, l’edificio divenne in gran parte di proprietà pubblica. Dal 1875 al 1959 il convento fu sede delle scuole pubbliche e durante la seconda guerra mondiale gli immensi sotterranei vennero adibiti a rifugio per la popolazione. Solo una piccola parte dell’edificio, nel Novecento, era abitata dai frati minori conventuali. Questa parte, dopo il trasferimento dei religiosi in altre sedi, non è più accessibile al pubblico. La gran parte di proprietà statale, è stata ristrutturata e destinata ad ospitare eventi espositivi o incontri pubblici.

+ + + + + + + + + +

INFO:
info@magma.zone
www.magma.zone

PARTNER:
Festa di San Michele / Comune di Bagnacavallo / Mattarelloaway / A.N.G.E.L.O. Vintage Palace / Depop

10.06.18 - Sissel Wincent, la producer svedese casa “Peder Mannerfelt Produktion”

28050998446_50901cd62c_b

Sissel Wincent è una giovane producer e dj svedese, paese in cui la musica elettronica e sperimentale vive un periodo florido e di forte sviluppo, ospitando molti tra i migliori talenti della scena contemporanea.
Sissel fa parte del Drömfakulteten, un collettivo svedese volto a promuovere artisti femminili e transgender. Le sue produzioni, tra i quali anche il suo primo EP, vengono curate dalla “Peder Mannerfelt Produktion“, etichetta dell’omonimo Peder Mannerfelt (ospite tra l’altro della terza edizione del modulo fest) casa di talenti emergenti come la figlia d’arte Klara Lewis e Machine Woman.

Le performance dal vivo di Sissel Wincent sarà sabato 15 giugno nella quarta edizione del modulo fest al magazzino darsena di Cervia.

08.06.18 - Arrivare, mangiare e dormire: come non perdersi il Modulo Fest 2018

cervia-vista-alto

Partiamo dall’ABC su come raggiungere dal 15 al 17 giugno il MODULO FEST, come arrivare, cosa mangiare, dove dormire, ecc… Quali sono le due location in cui si svolgerà la terza edizione del festival di MAGMA dovrebbero essere chiare. Ma non si sa mai.

DAY 1 & 2 – MAGAZZINO DARSENA – 15-16 giugno
L’ex Magazzino del sale si trova nel centro di Cervia, si affaccia sul canale e su piazzale dei Salinari, costeggiato da viale Alfredo Oriani e via Bonaldo.
Qui trovate la posizione esatta nella mappa MAGAZZINO DARSENA -> https://goo.gl/maps/vG5NNiUPCvk

DAY 3 – WOODPECKER – 17 giugno
L’ex discoteca Woodpecker si trova alla fine di Milano Marittima, prima di Lido di Savio. L’unico modo per accedere è dal parcheggio creato per l’occasione lungo viale Nullo Baldini, e procedere a piedi lungo il sentiero creato nei giorni precedenti al festival per raggiungere la struttura inghiottita dalla vegetazione. Non è facile trovarlo per chi non è pratico, ma ce la metteremo tutta per farci notare.
Qui l’esatta posizione del WOODPECKER -> https://goo.gl/maps/82Awg1VGteG2

DOVE MANGIARE
All’interno del festival si potrà mangiare e bere grazie a:
La Cantera;
Mattarello Away.

DOVE DORMIRE
Seppur per qualche ora, dovrete pur riposare per recuperare le energie e affrontare tutti e tre i giorni del festival. Vi diamo qualche consiglio sugli alloggi.
Hotel Orsa Maggiore;
Hotel Holiday;
Hotel Antares.

Se preferite un campeggio:
Campeggio Romagna
– – –
Contatti per informazioni varie:
info@magma.zone

05.06.18 - Nene Hatun, dalla musica classica alle scure sonorità elettroniche

20638511_1901918580069471_779716060387522971_n

Nene Hatun è un’artista con sede a Berlino, nata a Istanbul e cresciuta ad Izmir.
Ha trascorso sette anni a Stoccarda studiando pianoforte e composizione prima di trasferirsi a Berlino e iniziare la sua carriera musicale.
Con il suo nome, Beste Aydin, ha ottenuto notevoli consensi come pianista di formazione classica, ma il suo ultimo progetto la vede trasformarsi in una creatura completamente diversa, avvolta in un’aurea più oscura. Le sue esibizioni dal vivo come Nene H. si sviluppano intorno a sonorità ipnotiche di musica elettronica per orecchie sofisticate. Il suo suono misterioso, ma potente e fisico, contiene elementi di drone, orient, industrial, psichedelico, vocale, dark wave, noise, experimental e techno.
La prima mondiale della sua nuova opera “Fountain of Fire” è ispirata al testo di Rumi, alle contraddizioni e all’interazione tra i poteri vitali ma anche distruttivi. “You must know better, if I enter / I’ll break all this and destroy all that / but punish me if I enjoy myself.”

Dopo aver pubblicato il suo EP di debutto su Bedouin Records nel giugno 2017, ha suonato spesso live e dj set in club come Berghain, Tresor, About Blank, Rabitza Mosca e infine ha eseguito il suo ultimo live “Fountain of Fire” a Berlino per l’Atonal.
https://soundcloud.com/nenehxxxx
Insieme a Kaltès, ha recentemente collaborato per l’EP Protest sull’etichetta Eotrax di Eomac.

Quest’anno si esibirà al Modulo Fest, all’interno del Magazzino Darsena di Cervia con il suo live!

02.06.18 - Robert Lippok, la musica come una scultura

4r3a6014_2_final

Robert Lippok è un artista nato nel 1966 a Berlino.
È uno dei nomi più influenti della scena sperimentale berlinese essendo oltre che musicista anche: artista audiovisivo, stage designer.
Il suo percorso comincia nella band punk Ornament und Verbrechen, da cui successivamente nascono i “To Rococo Rot”, fondati sempre insieme al fratello. La sua concezione scultorea della musica, la sua collaborazione con musicisti quali Ludovico Einaudi e Debashis Sinha, l’importanza creativa assegnata al concetto di improvvisazione, fanno di Robert Lippok un musicista profondamente nomade nel pensiero tanto quanto nella pratica.

Le produzioni di Robert Lippok si sviluppano in due direzioni: da un lato c’è l’aspetto compositivo, dall’altro l’improvvisazione. Lavorando come stage designer e artista concepisce la musica come una scultura, inserendo sempre forme ripetitive, assimilabili a dei layer di diverse dimensioni, che fa incontrare o che lascia viaggiare indipendenti. La costruzione musicale per Robert è un aspetto molto importante, definendo la musica “sorella dell’architettura” ma dedicando molte energie anche all’improvvisazione. https://www.youtube.com/watch?v=Pb42GbADwZM
Robert si esibirà con il suo nuovo progetto audio visivo all’interno del Magazzino Darsena di Cervia.

29.05.18 - Jasss (Ideal Recordings) – ES

jasss_flash2-_-credit_-mai-nestor

JASSS è il nome d’arte di Silvia Jiménez Alvarez, Spagnola di nascita ma berlinese di adozione.
Silvia nel suo percorso artistico si è avvicinata alla cinematografia più sperimentale grazie alla sua passione per il field-recordings per poi arrivare nel 2015 a vestire i panni da dj con il nome d’arte JASSS.
Le sue radici della giovinezza punk e hardcore si sono evolute tuffandosi all’interno del mondo industrial, dub e di suoni sperimentali approfondendo da anni la relazione che c’è tra musica e persone.
Il suo progetto dallo stile distinto ed eclettico si colloca perfettamente nel regno della sperimentazione elettronica, ma incorpora anche elementi di free jazz, ritmi africani, pop ambient e stralci di sonorità industriali, molte di queste influenze tramandate dalla sua famiglia.

Dopo alcuni anni di lavoro in studio per farsi le ossa, Jasss rilasciò tre Ep: “Caja Negra”, “Mother” ed il ballabile futurista “Es Complicado”.
Il suo ultimo lavoro solista uscito su iDEAL Recordings è “Weightless”, un vero capolavoro impreziosito da una nuova prospettiva sul rapporto tra suono e spazio. Jasss amalgama al suo interno tutto il suo bagaglio artistico rendendo il tutto ricco di susseguirsi di sussulti e distensioni che, spesso e volentieri, fanno assomigliare la musica a una stanza degli specchi.
Jasss ha partecipato a festival internazionali come l’Atonal di Berlino ed il Boiler Room di Londra.
“Siamo felicissimi di ospitarla a Cervia durante la quarta edizione del Modulo Fest all’interno della bellissima cornice del Woodpecker.”

30.03.18 - TenGrams, il progetto “made in Cervia” che aprirà la quarta edizione del Modulo Fest

Piatto Alessandro

Ad aprire la serata della preview del Modulo Fest 2018 ci penserà un cervese DOC, Alessandro Piatto con il suo progetto TenGrams.

La storia di Alessandro Piatto e di suo fratello Davide è una delle meno conosciute, non solo in Romagna ma a livello nazionale, ed invece amata e di culto a livello internazionale.
Così il progetto TenGrams vede riuniti sotto lo stesso pseudonimo praticamente quarant’anni di musica elettronica italiana.
Gli esordi pionieristici di Davide con i N.O.I.A., nel 1978, fra i primi gruppi in Italia a suonare dal vivo con con drum machine e sintetizzatori, la proto-house del brano “Dirty Talk” nel 1982, commissionato a Piatto in veste di “ghost producer” e attribuito ad altri compositori (brano riconosciuto come anticipatore del fenomeno “house music” e citato dai Bernard Sumner dei New Order come una delle influenze che ha contribuito a far nascere la loro hit planetaria “Blue Monday”) e la vocazione, fin dalla metà degli anni 80, di Alessandro per il clubbing con i suoi dj-set in chiave punk e new wave che si evolveranno in seguito in un possibile equilibrio tra diversi generi musicali, dal blues allo sperimentalismo elettronico e che lo hanno portato, negli ultimi 10 anni, a suonare in numerosi club e festival internazionali.

28.03.18 - ORTHOGRAPHE: Laser e luci vestiranno il Magazzino Darsena

unnamed

Siamo entrati nella settimana che ci porterà alla preview del Modulo fest 2018, sarà Orthographe ad allestire il maestoso spazio del Magazzino Daresena con luci e laser.

Orthographe
(Teatro, performance, arti visive, musica)

Orthographe nasce a Ravenna nel 2004. Il percorso artistico del gruppo si muove tra performance teatrale, musica ed arti visive, intrecciandone i linguaggi.
Il lavoro di ricerca sui dispositivi ottici applicati alle arti visive e teatrali porta alla realizzazione degli spettacoli per camera ottica Orthographe de la physionomie en mouvement (2005 Biennale di Venezia Teatro), Tentativi di volo (2007 What’s Next, Spielart, Munich), Innerland (2014-15 Mykorrhiza, Berlin-Dusseldorf) e il laboratorio per bambini La chiave d’oro (2014 Artefact, Leuven).
La combinazione di fotografia, performing art e cinema è l’anima di lavori come la fantasmagoria teatrale Controllo Remoto (2009 Rotterdamse Schouwburg Festival, Rotterdam) , la performance pirotecnica ¡Thump flash! (2011 Santarcangelo theatre Festival) e l’istallazione catottrica Ars Umbratica (2016, Ravenna Festival, Ravenna) dove l’immagine e i dispositivi che generano e manipolano la luce sono i protagonisti della scena.
Durante il biennio 2011/12 prende forma in due stagioni il progetto Una settimana di Bontà. L’edizione del gioco da tavolo Cobain Affaire nasce in questa occasione e si sviluppa come performance autonoma che esplora l’interazione diretta tra pubblico e messa in scena, coinvolgendo gli spettatori in un bizzarro gioco a premi.
Altre istallazioni e perfomance indagano le possibilità di interazione tra arte, musica e scienza: Erinnerung (2007, Mario Mertz foundation, Torino), Fuoco bianco su fuoco nero (2008 International Performance Prize, Trento), In Absentia (2014 BIT, Bergen), Paradoxes (2011-2017, Ravenna).
Nel 2011 nasce Paradoxes , rassegna di live performance di musica elettronica e sperimentale per planetario. Il formato creato per il planetario di Ravenna da Orthographe in collaborazione con il musicista Lorenzo Senni (Presto?!) e l’astrofisico Marco Garoni (ARAR) è stato ospitato in altri planetari europei (Berlino 2014, Milano 2015 e Modena 2016-17).

Spettacoli
– A-project #2 (in collaborazione con Ane Lan), BIT, Bergen, 2017;
– Stanze, Santarcangelo Festival, Santarcangelo (RN) 2017;
– In Absentia ( in collaborazione con Ane Lan e Silvia Costa), BIT, Bergen 2014;
– Innerland , Mykorrhiza, Ufer Studios, Berlin, 2014;
– La chiave d’oro, Artefact-2014 Leuven (Be), 2014;
– Una Settimana di Bontà season 2, Coda Teatri del Presente, Modena 2012;
– Una Settimana di Bontà season 1, Vie Festival, Modena 2011;
– Controllo Remoto, Rotterdamse Schouwburg Festival, Rotterdam 2009;
– Tentativi di Volo , Spielart Festival, Munich 2007;
– Orthographe de la physionomie en mouvement, Biennale di Venezia Teatro 37, Venezia 2005;

Laboratori

Lo spazio aperto, Imago festival III, Bologna, 2015
Camera obscura workshop:The golden key , Artefact-2014 Leuven (Be), 2014

Istallazioni / performance
– Ars Umbratica, Ravenna Festival: Giovani Artisti per Dante, Ravenna 2016;
– Erano Ariani, progetto interdisciplinare per Ravenna2019, Bulgaria/Svezia/Germania 2013-2015;
– Cobain Affaire sessions, intrattenimento dal vivo in spazi pubblici, 2012-2016;
– Arrivi e Partenze mediterraneo, mostra collettiva, Ancona 2012;
– Virtual class cocktails (in collaborazione con Lorenzo Senni), Raum, Bologna 2011;
– ¡Thump flash!, 41th Santarcangelo Festival, Santarcangelo (RN) 2011;
– Gorgone III, Mondo, G.A.I. , Forlì 2010;
– Gorgone II, Art Fall 09, PAC (Contemporary Art Pavillon), Ferrara 2009;
– Gorgone I, 39th Santarcangelo theatre Festival, 2009;
– Fuoco bianco su fuoco nero, Premio Internazionale della Performance, Trento 2008;
– Sopravvivenze, Palazzo San Giacomo, Russi (RA), 2008;
– Un posto sulla terra , Galleria Neon, Bologna 2008;
– Erinnerung, Fondazione Mario Mertz, Festival Colline Torinesi ,Torino 2007.

05.01.18 - MAGMA e MU presentano: Konrad Sprenger (DE) @Bagnacavallo

ks

Sabato 20 Gennaio 2018

MAGMA e MU presentano
KONRAD SPRENGER plays
“Stack Music” (PAN, 2017)

live per la Biennale di incisione G.Maestri OFF
presso la sala delle capriate del convento di San Francesco di Bagnacavallo.

dalle 22:30 alle 23:30

*apertura spazio ore 22:00
**ingresso gratuito

Via Cadorna 14, Bagnacavallo (Ra)

﹏ ﹏

Bio artista:
Konrad Sprenger è lo pseudonimo di Joerg Hiller, compositore, produttore musicale e artista di base a Berlino, nato nel 1977 a Lahr, in Germania.
Hiller gestisce l’etichetta Choose, per la quale ha prodotto dischi di artisti come Ellen Fullman, Arnold Dreyblatt, Robert Ashley e Terry Fox, tra gli altri.
Dal 2000 Hiller si esibisce regolarmente e collabora con il compositore di musica minimal Arnold Dreyblatt e la compositrice/costruttrice di strumenti Ellen Fullman, le band Ethnostress ed Ei e con il collettivo d’arte Honey-Suckle Company.
La sua ricerca attuale è rivolta alle esibizioni dal vivo con una chitarra elettrica multi canale preparata e controllata da computer.
La sua musica e il lavoro di installazione sono stati presentati in giro per il mondo (all’Hamburger Bahnhof, al Berghain, alla galleria Giti Nourbakhsch, al Podewil, al Pavillon der Volksbühne a Berlino, al Badischer Kunstverein a Karlsruhe, alla Kunsthalle di Baden-Baden, al Frankfurter Kunstverein, alla Künstlerhaus di Stuttgart, alla Kunsthalle di Basilea, al MoMA PS1 a New York, alla Cubitt Gallery di Londra e al Sonar di Barcellona, ecc).

L’ultimo lavoro di Konrad Sprenger è “Stack Music”, pubblicato da PAN, etichetta multidisciplinare che negli anni ha consolidato la sua presenza tra quelle con maggiore influenza tra la musica contemporanea e di ricerca, rappresentando molti degli artisti più innovativi della scena attuale.

Chitarra elettrica multicanale preparata e computer-controllata:
Konrad Sprenger esplora schemi ritmici basati sull’algoritmo euclideo, per evocare una sorta di insicurezza cognitiva attraverso la dissonanza metrica. Sprenger si avvicina alle corde della chitarra come puri generatori di frequenze, sintonizzati e messi in moto da varie azioni meccaniche controllate elettronicamente. Lo strumento costruito su misura è stato concepito da Konrad Sprenger e realizzato da Sukandar Kartadinata e Daniel van den Eijkel.

http://www.konradsprenger.com/
http://p-a-n.org/product/konrad-sprenger-stack-music-pan78-2/
﹏ ﹏

La collaborazione tra l’ass. MAGMA e l’ass. MU nasce dalla voglia di portare all’interno di un contesto unico a livello italiano la ricerca sonora di artisti italiani ed internazionali che, attraverso pratiche di ascolto attivo, possano riuscire ad innescare meccanismi di riappropriazione di luoghi estremamente peculiari non solo dal punto di vista architettonico, visivo e naturalistico, ma anche acustico.

www.magma.zone
www.mmmu.it

*** Evento gratuito grazie al contributo del Comune di Bagnacavallo

Older Posts
No Newer Posts